Il mio “rimborso di windows” con Dell.

Premessa:

Quello che ho ottenuto non è un reale rimborso e restituzione del software Windows preinstallato sul mio portatile e che sono stato costretto a comprare all’atto dell’acquisto del prodotto.
Si tratta di una soluzione commerciale proposta dal rappresentante Dell, col quale ho discusso per quasi 5 mesi, per chiudere una volta per tutte la faccenda.
La proposta finale è un “buono sconto” del valore pari alla licenza di Windows Vista Ultimate da utilizzare per l’acquisto di un prodotto Dell. Questa proposta per me è assimilabile a molto di più di un rimborso e restituzione del software.
Dell in Italia non da le spiegazioni per la restituzione e il rimborso del software non richiesto all’atto dell’acquisto, Dell in Italia non da il rimborso del solo windows.

Aggiungo anche che il commerciale ha affermato si tratta di una decisione “unica” ed “eccezionale”, presa personalmente da lui per il mio caso specifico.
Questa affermazione non vedo come possa vietare una seconda persona ad ottenere ciò che chiede, comunque sono decisioni di Dell nelle quali non rientro nel merito.

Quello che propongo qui è solo la pubblicazione dei fax e delle email che ho mandato, sono abbastanza lunghe e si commentano già da sole.
Scrivo tutto in accordo con la libertà di pubblicazione datami dal commerciale di Dell, rispettando però la sua richiesta di non lasciare i suoi estremi per contattarlo. Gli indirizzi per scrivere lettere, i numeri per inviare fax e/o contattare il Servizio Clienti di Dell li trovate tutti sul sito internet www.dell.it.
Ci saranno alcune parti eliminate che non riguardano direttamente il problema o comunque che non voglio rendere pubbliche per motivi personali.

Voglio sottolineare inoltre l’incredibile qualità dei prodotti di Dell, qualità superiore a molti altri prodotti presenti sul mercato a parità di prezzo. Rimarco la sempre presente attenzione di Dell nell’ascoltare i propri clienti trovando un Servizio Clienti sempre pronto, molto professionale e serio.
Voglio ricordare a tutti che Dell nel mondo si sta distinguendo per il suo occhio di riguardo nell’offrire prodotti con preinstallati sistemi operativi diversi dalle soluzioni Microsoft.
In Italia al momento in cui scrivo, la possibilità di acquisto di portatili senza sistema operativo preinstallato è riservata alle linee VOSTRO – LATITUDE – PRECISION previo contatto telefonico (i commerciali di Dell vi sapranno sicuramente indirizzare e informare meglio in proposito). Purtroppo, a differenza degli altri paesi europei e non, in Italia non esiste la possibilità di selezionare l’acquisto di un portatile Dell con preinstallato un sistema operativo differente Windows.

Introduzione del problema e riferimenti utili:

Forse non tutti sanno che la licenza OEM (quella che viene venduta ogni volta che si compra un computer nuovo) di Microsoft Windows si paga e ancor meno sa che la licenza afferma la possibilità di rimborso del software a patto di non utilizzarlo e/o non accettare l’EULA (End User License Agreement).
Per non dilungarmi troppo sulla spiegazione di questo ostico problema vi consiglio caldamente di leggere gli articoli presenti a questi indirizzi:

nel sito web dell’ADUC
nel sito di Paolo Attivissimo

Consiglio anche di visitare il sito web sul Rimborso di Windows nato in seguito ad una lunga discussione presente nel forum di ubuntu che richiama tutte quelle persone che stanno tentando di ottenere un rimborso di windows preinstallato dopo l’acquisto di un computer Dell, la discussione è qui.

Questa voce è stata pubblicata in Rimborso MS Windows e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Il mio “rimborso di windows” con Dell.

  1. Andrea scrive:

    Ciao, bravo Mario, così si fa! Un piccolo passetto per noi consumatori, obbligati ad acquistare un sistema operativo imposto. Complimenti per avergli sempre tenuto testa, gran bel lavoro!
    Ciao Mario!

  2. Eleonora scrive:

    Hai tutta la mia stima per la battaglia che hai voluto combattere con tanta tenacia e fiducia. Sono contenta per te :)

  3. billo scrive:

    Premessa : ne ho letta una parte ma sono giustificato perchè ho seguito la vicenda giorno per giorno. Vai mario continua cosi!

  4. JohnJohn scrive:

    La stessa cosa è già successa anche in Inghilterra con le stesse modalità:

    http://attivissimo.blogspot.com/2006/11/rimborsi-windows-da-dell-in-gb-ch-e.html

    stesso “rimborso” da circa 80 euro da utilizzare come buono acquisto e stesso chiarimento da parte di Dell: “risposta unica a un cliente, fatta sulla base delle circostanze individuali dell’esperienza e della richiesta del cliente”, specificando tuttavia che non si tratta di una nuova politica generalizzata dell’azienda.

    Un altro caso analogo si è verificato in Svizzera…
    Insomma, non sarà una nuova politica generalizzata dell’azienda ma sembra che ormai sia abbastanza diffusa…con un po’ di insistenza quindi (anzi, con tanta……) chiunque riuscirà a farsi rimborsare la licenza di windows come da diritto!

  5. Wishmerhill scrive:

    Complimenti per la perseveranza e per la corettezza delle tue argomentazioni con Dell. Nel 2007 (ciraca marzo-aprile) ho acquistato da Dell un portatile e mi sono scontrato contro lo stesso muro di gomma. Avevo opposto argomenti simili ai tuoi in merito alla discrasia tra quanto previsto dalla EULA e le condizioni generali di vendita di Dell. Mi fu risposto che non c’erano dubbi e che l’interpretazione corretta e quella di Dell. A questo punto, sicuro che prima o poi comprerò nuovamente Dell, in quanto come te la reputo una garanzia di qualità, proverò con più insistenza far valere i miei diritti, seguendo il tuo esempio.

    COmpliemti ancora!!!

  6. Pingback: Depositata la class action contro Microsoft per il rimborso di Windows | .:: marionline.it ::.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *